Vene Varicose

vene varicose
Patologia
Le vene varicose necessitano di cure e di una terapia adeguate, soprattutto per prevenire le complicanze dolorose ed invalidanti,  come varicoflebite, dermatite, ulcera varicosa.
Tuttavia, purtroppo, non esiste una vera e propria cura che sia in grado di risolvere definitivamente il problema delle vene varicose. Nonostante ciò, i trattamenti ad oggi disponibili possono alleviare la maggior parte dei sintomi causati dalla malattia varicosa.

Cure e Terapia

Per affrontare il problema delle vene varicose sono disponibili diversi tipi di cure che si suddividono in:

  • conservativi, fra cui ritroviamo la terapia elastocompressiva e quella farmacologica.
  • ablativi mini-invasivi, come la scleroterapia, o le procedure endovascolari con laser o radiofrequenza.
  • invasivi che prevedono veri e propri interventi chirurgici sia conservativi che asportativi.

Questi trattamenti possono essere effettuati singolarmente, oppure in associazione.
Ad ogni modo, in caso di vene varicose, nella maggior parte dei casi, la cura prevede l’integrazione di diversi approcci terapeutici, cui si associa l’adozione di particolari norme igieniche e comportamentali.

Norme igieniche e comportamentali

  • Evitare di restare in piedi o seduti per periodi di tempo troppo lunghi;
  • Evitare di esporre direttamente le gambe a fonti di calore;
  • Fare una camminata di almeno 20-30 minuti ogni giorno;
  • Svolgere una regolare attività fisica;
  • Dormire con gli arti inferiori sollevati rispetto al resto del corpo.

Farmaci

La terapia farmacologica si basa sull’utilizzo di sostanze “flebotoniche” (cioè sostanze che aumentano il tono della parete venosa in modo da ridurne lo sfiancamento), antiedemigeni (che riducono l’edema), probrinolitici (che impediscono la formazione dei trombi dovuti alla stasi del sangue) ed antiinfiammatori. Tuttavia, non esiste alcuna seria documentazione sul fatto che i farmaci siano in grado di intervenire sulle vene varicose.

Elastocompressione

La compressione elastica si basa sull’utilizzo di calze elastiche graduate  che esercitano una compressione decrescente dal piede verso la coscia
In alternativa possono essere usate bende elastiche,
In ogni modo, la contenzione elastica, a qualunque livello di compressione, non riesce a far regredire le manifestazioni varicose.

Vene varicose cura

Trattamenti endovascolari

I trattamenti endovascolari sono procedure mini-invasive che sfruttano le tecnologie laser o di radiofrequenza per eliminare le vene varicose.
Tali trattamenti vengono eseguiti in anestesia locale e sotto guida ecografica e il loro scopo è quello di eliminare la vena varicosa attraverso il calore generato dal laser o dalla radiofrequenza.
Rispetto ai classici interventi chirurgici, le procedure endovascolari consentono di riprendere le normali attività quotidiane in tempi molto brevi, non lasciano cicatrici e provocano meno dolore nella fase post-operatoria.

Scleroterapia

La scleroterapia consiste nell’iniezione all’interno della vena di sostanze chimiche che determinano prima la formazione di un trombo, quindi la trasformazione fibrosa della parete venosa . Essa trova la sua principale applicazione nel campo delle varici più piccole, come  le teleangectasie, ma in presenza di varici con interessamento delle vene Grande e Piccola Safena, la scleroterapia è destinata all’insuccesso e l’intervento chirurgico rappresenta la cura elettiva e con il miglior risultato clinico a distanza.

Flebectomia

La flebectomia è un intervento chirurgico che viene eseguito solitamente in anestesia locale. Esso consiste nella rimozione del tratto venoso interessato dalla varice e nel ricongiungimento delle porzioni a monte ed a valle della rimozione

Facebook Comments