Rossetto, avete mai pensato quanto ne mangiate?

woman-eating-lipstick

DAVVERO MANGIAMO IL ROSSETTO ?

Pur essendo uno strato sottile, leggero, (qualcuna a volte esagera) il rossetto finisce nel corso della giornata assorbito dalla nostra bocca. Una buona percentuale di quello che applichiamo sulle labbra, pian pianino ilo ingeriamo. Se poi ci troviamo a baciare appassionatamente, anche il nostro partner inconsapevolmente assaggerà il nostro rossetto. La cosa non dovrebbe sorprenderci, io conosco bene il gusto delle marche di lipstick che compro!
Quindi possiamo benissimo renderci conto che il rossetto deve essere considerato alla stessa stregua del cibo! Dovremmo stare più attente a quel che mangiamo, è vero che i prodotti sintetici presenti nel mercato non sono nocivi, ma perché rischiare? Per questa ragione sono comparsi sul mercato prodotti di natura biologica ed alternative naturali senza sostanza chimiche.

BIOLOGICO

Il settore biologico alimentare è in costante ascesa, proprio perché sempre più gente si preoccupa della propria salute. Anche nella cosmetica vi è un impennata di prodotti bio ed il rossetto è uno dei cosmetici che più tradizionalmente viene prodotto e valorizzato. Come nel settore alimentare, ciò che non è bio non è nocivo! Sfatiamo questo mito, perché tutto ciò che arriva nella nostra tavola o nei nostri negozi non ci “avvelena”, tutti i prodotti devono rispettare delle norma igienico sanitarie molto restrittive, specie in italia. Scegliere un prodotto bio significa scegliere qualcosa che rispetta il nostro corpo ed allo stesso tempo anche la natura. Questo ovviamente non possiamo dirlo per i prodotti che non presentano il marchio della comunità europea, perché ogni nazione ha le sue specifiche norme sanitarie. In prodotti non certificati rischiamo di mandar giù petrolati, metalli pesanti e conservanti chimici.

INGREDIENTI

La domanda  che a questo punto sorge spontanea è : “allora, come sono fatti” ?  Si va dal burro di karité dolcificato e cremoso con zucchero derivato dalla radice di liquirizia, altri si ricavano da foglie di papavero con polvere di melograno ed hennè. Alcuni hanno l’olio di rosa mosqueta che ha anche funzione anti-età.  Spesso in questi prodotti sono presenti pigmenti minerali e vegetali, olio di ricino e cosa più importante non sono presenti conservanti di origine chimica. Purtroppo in questo settore (come anche in quello alimentare) c’è molta speculazione, per cui si moltiplicano i prodotti venduti come naturali senza esserlo davvero. Per avere una garanzia sulla loro reale qualità bisogna verificare che riportino il certificato di ‘cosmetico naturale o biologico’ rilasciato dal CCPB, uno degli enti più seri in Italia che impone vincoli  molto stringenti sulla provenienza degli ingredienti.

Facebook Comments