Il rusco per i disturbi della circolazione venosa

proprietà rusco pungitopo

Il rusco è una pianta che cresce spontanea nei nostri boschi, è facile da riconoscere perchè ha una bacca rosso acceso e delle spine così appuntite da chiamarlo pungi-topo. E’ quella pianta che viene rappresentata spesso per decorare l’albero di natale, donando con il suo colore quella nota natalizia che tutti conosciamo. I nostro avi, la mettevano nelle cantine per tenere lontani i topi e probabilmente per lo stesso motivo, originariamente, veniva messo nell’albero di natale.

Proprietà del rusco

Le sue proprietà sono note sin dall’antichità. I latini  già ne conoscevano  le proprietà diuretiche se miscelato con  prezzemolo, finocchio, sedano e asparago.  Sin dai tempi antichi era considerato un talismano per la buona sorte. La proprietà più importante è quella legata alle sue caratteristiche vasoprotettrici e antinfiammatorie!

Il rusco, infatti, aumenta il tono venoso e rende i vasi più elastici. Questo lo mette in cima alle piante in grado di migliorare il microcircolo, insieme ai semi dell’uva, la centella asiatica ed i flavonoidi (che talvolta vengono indicati come vitamina P!). Tanti termini, forse un pò complicati, ma che possono essere riassunti in un semplice concetto: cura delle vene.

Tutte le malattie legate alla circolazione, possono trovare sollievo grazie a queste piante. Gambe pesanti, che la notte si agitano, debolezza capillare, vene varicose e non ultimo le emorroidi.

Come si assume 

Io personalmente adoro la linea dell’Aboca che propone soluzioni molto efficaci e ben studiate. Il costo è leggermente più alto rispetto ad altre case, ma si parla di uno o due euro in più di norma. Il rusco lo troviamo in commerci in tre formati ;

  • Opercoli : 300 mg al dì per due volte lontano dai pasti.
  • Tintura madre : 30-40 gocce per 2 volte al giorno, in poca acqua, lontano dai pasti.
  • Crema : per azione esterna, da applicare sulle zone su cui vogliamo concentrare gli effetti.

Quando usarlo

  • Insufficienza venosa cronica: contrasta  crampi notturni, prurito e gonfiore agli arti inferiori.
  • Emorroidi: allevia prurito e dolore
  • Disturbi delle vie urinarie: stimola la diuresi
  • Cellulite: agisce sulla causa del problema

Controindicazioni

le preparazioni a base di Rusco sono ben  tollerabili e  non é  stato riscontrato nessun effetto collaterale. Le bacche contengono saponine, per cui se assunte in quantità eccessive, possono provocare vomito e diarrea. Da evitare  in gravidanza e allattamento.Unica controindicazione  in caso di ipertensione. Ricordatevi sempre di sentire il parere del vostro medico di fiducia prima dell’uso.

Facebook Comments